About giuseppe

L’avvocato Giuseppe Pappa si laurea nell’ottobre 2009 con tesi in diritto penale avente ad oggetto i reati associativi.
Immediatamente dopo la laurea inizia la pratica forense prediligendo le tematiche attinenti all’area del diritto penale.
Successivamente frequenta con profitto il corso di deontologia e tecnica del penalista organizzato dalla Camera penale di Napoli ottenendo l’idoneità all’iscrizione nell’elenco dei difensori d’ufficio ex art. 29 disp. att. c.p.p., in seguito consegue il diploma di perfezionamento in “Diritto dell’Unione Europea: tutela dei diritti” conferitogli dall’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Approfondisce ed amplia la propria formazione attraverso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell’Università degli studi Guglielmo Marconi di Roma, conseguendo nel giugno 2014 il diploma di specializzazione discutendo una dissertazione di fine corso dal titolo “I rapporti tra continuazione e recidiva”.
Nel luglio 2014 è dichiarato idoneo all’esercizio della professione forense a seguito del superamento dell’esame di abilitazione.
E’ iscritto dal gennaio 2015 all’Ordine degli Avvocati di Napoli.

20 11, 2017

La fuga dal processo: abbreviato, patteggiamento, messa alla prova ed oblazione

By | novembre 20th, 2017|Guide|

Essere imputati in un processo non è un bella cosa, a prescindere dalla vostra innocenza (o colpevolezza) subire un processo è già una anticipazione della pena: per cinque o sei anni della vostra vita dovrete convivere con il pensiero di un processo. Inoltre, nessuno potrà garantirvi l’esito del processo, un buon avvocato potrà esporvi i possibili sviluppi, ma nessun avvocato vi metterà nero su bianco l’esito del processo. Proprio questa incertezza, insita in qualsiasi procedimento giudiziario, spesso è la ragione per cui molti imputati (anche innocenti) scelgono di non percorrere la strada ordinaria del processo, ma prendono strade alternative.

9 04, 2017

Gratuito patrocinio: quando l’avvocato te lo paga lo Stato!

By | aprile 9th, 2017|Guide|

Il gratuito patrocinio è l'istituto che permette di farsi assistere da un avvocato e da un consulente tecnico di propria scelta, senza dover pagare le spese di difesa e le altre spese processuali. In altri termini, se hai un reddito basso, l'avvocato te lo paga lo Stato. Il gratuito patrocinio non deve essere confuso con la difesa di ufficio: il primo permette di scegliere un avvocato e far sì che sia lo Stato a pagarlo, la difesa di ufficio, invece, garantisce la presenza del difensore, tuttavia il difensore di ufficio andrà pagato dal cliente.

13 02, 2017

Come scoprire se sei indagato o se sei stato denunciato-querelato da qualcuno: la richiesta ex art. 335 c.p.p.

By | febbraio 13th, 2017|Guide|

Avvocato come posso scoprire se sono indagato o se sono stato denunciato / querelato da qualcuno? La risposta a questa comune, e non affatto banale, domanda, è semplice: si avanza una richiesta ex art. 335 c.p.p. presso la Procura della Repubblica territorialmente competente. In altri termini, se hai il sospetto che il tuo vicino di casa ti abbia denunciato o querelato, o se temi che tu sia coinvolto in un procedimento penale, per avere risposta a queste domande dovrai avanzare una richiesta ex art. 335 c.p.p. L’ufficio territorialmente competente sarà individuato in base al luogo di commissione del reato, pertanto se il reato è stato commesso a Napoli e si avanza la richiesta a Roma, la risposta sarà negativa ed avrai solo perso tempo. Per questo è importante capire dove presentare la domanda.

2 02, 2017

Connessione wifi senza password: attenzione rischiate tre anni di carcere!

By | febbraio 2nd, 2017|Sentenze|

Tutti abbiamo internet a casa, tutti abbiamo un modem wifi, ma non tutti proteggiamo la connessione con una password efficace. Proprio questa leggerezza è costata al sig. Mario un lungo processo per il grave reato di accesso abusivo ad un servizio informatico (art. 615 ter c.p.)...

28 01, 2017

Ripulire la fedina penale: cosa fare in caso di decreto penale di condanna o patteggiamento.

By | gennaio 28th, 2017|Guide|

Considerato il grande successo riscosso dall’articolo “ripulire la fedina penale: dove, quando e perché", ecco una guida passo-passo su come "ripulire" la fedina penale in caso di patteggiamento o decreto penale di condanna.

23 12, 2016

L’elezione di domicilio e l’ avviso di conclusione delle indagini ex art. 415 bis c.p.p.

By | dicembre 23rd, 2016|Guide|

“Buongiorno avvocato, ieri su invito della polizia mi sono recato al commissariato a prendere un atto. C’è scritto “verbale di invito a dichiarare o eleggere domicilio e nomina del difensore di fiducia”. Il poliziotto ha detto che è tutto normale e non devo preoccuparmi. Ma cosa sta accadendo?” Con questa domanda, spesso, inizia il mio rapporto con un cliente. Dietro questo banale quesito si cela una scomoda verità: sei indagato ed ha bisogno di un avvocato. In altri termini, la Procura ti avverte che sei indagato (non imputato), ti invitano a scegliere un avvocato o, in assenza di una tua scelta, ti verrà assegnato un difensore di ufficio. Inoltre, ti viene chiesto di scegliere dove ricevere tutti gli atti successivi...

18 08, 2016

Sono un Avvocato

By | agosto 18th, 2016|Articolo|

Sono quello da cui vieni quando sei nei guai, quando sei arrabbiato, quando hai un problema e non sai dove sbattere la testa. Sono quello che ti apre la porta di studio quando non ne puoi più del tuo matrimonio, quando lui/lei ti ha lasciato, quando ti pignorano casa, quando non paghi i tuoi debiti e quando i tuoi debitori non pagano te. Sono quello che viene svegliato alle tre del mattino perché ti sei fatto fermare in stato di ebbrezza, che salta la comunione del nipotino perché ti hanno fissato l’interrogatorio il sabato mattina, che non vede il saggio di danza della figlia perché la tua udienza finisce alle dieci di sera...

18 08, 2016

Omicidio e lesioni personali stradali: i punti di maggiore interesse della nuova legge.

By | agosto 18th, 2016|Articolo|

Con la legge n. 41. Del 23 marzo 2016 è stato introdotto nel nostro sistema penale il c.d. reato di “omicidio stradale”. Per approfondimenti si rimanda al testo di legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (link). Di seguito i punti di maggiore interesse della nuova legge. Si precisa che tale sunto non rappresenta un elaborato scientifico ma una semplice rappresentazione semplificata della citata norma.Omicidio stradale...

12 08, 2016

Il decreto penale di condanna: 15 giorni per decidere la strategia difensiva

By | agosto 12th, 2016|Guide|

Fermati un momento! Leggiamo insieme l’atto-decreto che hai appena posato. Già alcune parole avrebbero dovuto suscitare una diversa attenzione: nell’intestazione leggi “giudice per le indagini preliminari”, “decreto penale di condanna”, “imputato”, insomma anche se non sei un avvocato questi termini ti fanno capire che non è una banale infrazione del codice della strada. Certo, ti viene inflitta una “multa”, ma per multa, in queste sede, non si intende quella della Polizia Municipale ma la sanzione pecuniaria prevista dal codice penale. A questo punto, ti rendi conto della gravità della situazione e della necessità di rivolgerti ad un avvocato per capire cosa sia il decreto penale di condanna...