Come non andare in carcere

Come non andare in carcere con condanne sotto i quattro anni: trenta giorni per evitare la detenzione!

Se sei stato condannato ad una pena inferiore ai quattro anni di reclusione? Lo sai che hai la concreta possibilità di evitare la detenzione e non andare in carcere!

Ma solo se tuo il reato non sia grave e che al momento dell’esecuzione della condanna tu sia libero.

Continua a leggere l’articolo per capire come non andare in carcere con condanne sotto i quattro anni di reclusione.

Guarda il video per capire come evitare il carcere con condanne inferiori ai 4 anni di reclusione

Sono stato condannato da libero, in via definitiva per una truffa aggravata alla pena di anni due e mesi sei di reclusione, senza pena sospesa, ora cosa accade?

Accade che la Procura, un giorno, deciderà di mettere in esecuzione la condanna e dovrai pagare il tuo debito verso lo Stato.

Quando accadrà tutto questo?

Non ci è dato saperlo, a volte accade poche settimane dopo il passaggio in giudicato, altre volte passano anni. Il ogni caso, lo Stato non si dimentica di te, prima o poi ti verrà presentato il conto.

Andrò necessitarmene in carcere?

No, anzi hai concrete possibilità di evitare la detenzione e non andare in carcere.

Wow! Perché non andrò in carcere?

Perché lo scopo della pena è il reinserimento sociale e la rieducazione del reo, tale principio è sancito nell’art. 27, comma III, della Costituzione Italiana, secondo cui “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”.

Pertanto, lo Stato, quando possibile, preferisce le pene alternative che sono meno afflittive del carcere e favoriscono la rieducazione e il reinserimento sociale del condannato.

Come non andare in carcere?

Affinché tu non venga portato in carcere, occorre soddisfare le seguenti condizioni:

  1. non devi essere stato condannato per un reato ostativo1(reati molto gravi come mafia, camorra, pubblica amministrazione, violenza sessuale, incendio boschivo, maltrattamenti in famiglia aggravato, stalking aggravato, furto in abitazione, ecc…);
  2. al momento del passaggio in giudicato della condanna devi essere libero. Dunque, non devi stare in carcere, né in custodia cautelare, né per un’altra condanna;
  3. la condanna irrogata, intesa anche come residuo pena, deve essere pari o inferiore ai quattro anni di reclusione.

Se ricorrono queste condizioni, l’ordine di esecuzione sarà emesso e contestualmente sospeso per trenta giorni, entro i quali dovrai presentare una richiesta di misure alternative2.

Nel gergo giuridico tu sei un “libero sospeso“.

Non ho capito, puoi spiegarmelo in altri termini?

Se ricorrono le condizioni che ho indicato sopra, la Procura ti invierà l’ordine di esecuzione per la carcerazione già sospeso.

In parole povere, la Procura è pronta per portarti in carcere, tuttavia, la legge prevede che quando ricorrono le condizioni che ho indicato prima, l’esecuzione è sospesa in automatico per trenta giorni.

Se la condanna è superiore ai quattro anni o relativa a reato ostativi cosa accade?

Se, invece, la tua condanna è superiore ai quattro anni di reclusione oppure è relativa ad un reato ostativo, a seguito dell’ordine di esecuzione verrai direttamente portato in carcere.

In merito ai reati ostativi, sui quali ti consiglio di leggere questo mio articolo, sappi che se la tua condanna riguarda questa tipologia di delitti sappi che anche con una pena di pochi mesi verrai direttamente portato in carcere.

Cosa devo fare entro questi trenta giorni?

Dal momento in cui ricevi l’ordine di esecuzione (detto erroneamente “il definitivo”), hai trenta giorni per chiedere una misura alternativa al carcere.

Contattata immediatamente un avvocato e adoperati per presentare la richiesta di misure alternative.

Le misure alternative sono:

Ho chiesto le misure alternative entro i 30 giorni, ora cosa accade?

Hai ricevuto l’ordine di esecuzione della pena e hai tempestivamente chiesto le misure alternative alla detenzione.

Hai fatto bene, è quello che dovevi fare per evitare di essere condotto in carcere.

Grazie a tale richiesta sarai libero in attesa che il tribunale di sorveglianza fissi l’udienza in camera di consiglio.

Durante questo lasso temporale, come appena detto, sarai libero di fare quello che vuoi poiché non ci sarà nessun provvedimento restrittivo a tuo carico.

Dopo circa due anni dalla tua richiesta (non c’è un termine prestabilito) verrà fissata l’udienza innanzi al tribunale di sorveglianza territorialmente competente.

All’esito dell’udienza il collegio si riserverà e dopo qualche giorno saprai se dovrai andare in carcere oppure se inizierai a scontare la pena con le misure alternative alla detenzione.

Se ignoro questo “documento” e decorrono i trenta giorni, cosa accade?

Che prima o poi ti portano in carcere.

In qualsiasi momento potrebbero venirti a prendere. Mentre sei a casa, oppure mentre sei in auto e vieni fermato per un controllo di routine.

Per farti capire meglio di cosa sto parlando, ti allego l’ordine di esecuzione nel quale la Procura di Savona ha revocato il precedente decreto di sospensione ed ha ordinato l’arresto e la traduzione in carcere del condannato per una condanna di soli sei mesi!

Tutto questo, semplicemente perché il condannato ha ignorato il primo avviso che gli è stato notificato ed ha fatto trascorrere inutilmente i trenta giorni.

ordine di esecuzione con sospensione revocataordine di esecuzione con sospensione revocata

Una volta che sono entrato in carcere cosa posso fare?

Puoi sempre chiedere le misure alternative, tuttavia dovrai attendere in carcere la risposta del Tribunale di sorveglianza, che arriva dopo circa quattro o sei mesi.

In altre parole, se ignori l’avviso che ti ho indicato prima, come minimo, rischi di passare quattro mesi in carcere.

Ecco un esempio di ordine di esecuzione con contestuale decreto di sospensione

Come non andare in carcere - ordine esecuzione 656 c.p.p.Come non andare in carcere - ordine esecuzione 656 c.p.p.

Posso svolgere all’estero le misure alternative alla detenzione?

No, sfortunatamente non è possibile essere ammessi alle misure alternative alla detenzione fuori dal territorio italiano.

A tale, amara, conclusione non è giunta la legge ma i giudici, i quali hanno concluso che “la effettiva reperibilità sul territorio italiano è indispensabile ai fini dell’applicazione dell’affidamento in prova al servizio sociale”3.

Medesime conclusioni valgono per la detenzione domiciliare: solo un domicilio nel territorio italiano permette il controllo da parte delle forze dell’ordine e dell’ufficio esecuzione penale esterna, non essendo gli uffici consolari adibiti a tali funzioni.

Pertanto, qualsivoglia misura alternativa alla detenzione deve essere svolta nel territorio italiano, ciò implica la necessità di un domicilio ed un lavoro in Italia.

Qualcosa sta cambiando in tema di espiazione della pena all’estero

Recenti sentenze hanno aperto un piccolo spiraglio all’espiazione della pena all’interno dell’Unione Europea in regime di misure alternative alla detenzione4.

Spero che prima o poi tale orientamento diventi maggioritario, nell’attesa è importante avere la consapevolezza che sarà molto difficile convincere il tribunale di sorveglianza a concedere l’espiazione della pena all’estero in regime di detenzione domiciliare o affidamento ai servizi sociali.

Conclusioni

Se sei stato condannato ad una pena pari o inferiore ai quattro anni di reclusione, hai la concreta possibilità di non andare in carcere.

Grazie alle misure alternative alla detenzione, hai la possibilità di evitare la detenzione in carcere.

Ma solo a condizione che il reato non sia grave e che al momento dell’esecuzione della condanna tu sia libero.

Questo articolo è una “brutale” semplificazione delle materia, qualora fossi interessato, resto a disposizione per un articolo di approfondimento.


Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voti
Article Rating

Note

  1. Art. 4 bis della legge n. 354 del 26 luglio 1975 – Ordinamento Penitenziario
  2. Art. 656, comma V, del Codice di Procedura Penale
  3. Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 26 settembre – 4 dicembre 2017, n. 54508
  4. Suprema Corte di Cassazione sentenza n. 20977/2020
Iscriviti per seguire i commenti della discussione
Notifica
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Amedea

Dopo aver presentato istanza nei 30 giorni quanto tempo può passare prima di essere ammesso ai servizi sociali.grazie

Alessandra Modotti

Spiegato in maniera chiara ed esaustiva.

Alafleur

Buongiorno ma avvocato mq il giudice può decidere di mandarti in carcere lo stesso anche se hai diritto alle misure alternative? Se il giudice vuole può ?