Guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Guida in stato di ebbrezza: come evitare la condanna grazie i lavori socialmente utili

Hai bevuto un bicchiere di troppo e ti sei messo al volante.

La polizia stradale o i carabinieri ti hanno fermato e ti è stata contestata la guida in stato di ebbrezza.

Non disperarti, grazie ai lavori socialmente utili (lavori di pubblica utilità e messa alla prova), puoi evitare la condanna penale, dimezzare la sospensione della patente e scongiurare la confisca del veicolo.

Continua a leggere l’articolo per saperne di più su guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Guarda il video articolo sulla guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Che cosa è la guida in stato di ebbrezza?

Il codice della strada punisce severamente chi si mette al volante in stato di ebbrezza, ossia in una condizione di alterazione psicofisica1.

L’alterazione può essere provocata dall’assunzione di alcool, medicinali o sostanze stupefacenti2.

La legge sanziona chi si mette al volante in uno stato di alterazione psicofisica, non rilevando le cause dell’alterazione.

In altri termini, o che sia alcool, o droga o un medicinale, NON devi metterti al volante quando le tue facoltà intellettive sono ridotte e i riflessi rallentanti.

Che cosa si rischia con la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti?

La legge prevede tre fasce di gravità per la guida in stato di ebbrezza, in tutti i casi è prevista la decurtazione di 10 punti dalla patente.

Prima fascia di gravità (non penale)

  • Tasso alcolemico tra 0,51 grammi per litro e non superiore a 0,80 grammi per litro3.
  • Sanzione amministrativa che va da un minimo di euro 532,00, sino ad un massimo di euro 2.127,00.
  • Sanzione accessoria della SOSPENSIONE della patente da un minimo di tre mesi, a un massimo di sei mesi.
  • L’autorità giudiziaria competente è il giudice di pace, la sanzione irrogata è di natura amministrativa e pertanto non ci sarà alcuna traccia sul casellario giudiziale.

Seconda fascia di gravità (penale)

  • Tasso alcolemico tra 0,81 grammi per litro e non superiore a 1,50 grammi per litro4.
  • Sanzione penale dell’arresto fino a sei mesi, oltre l’ammenda che va da euro 800,00 sino ad un massimo di euro 3.200,00.
  • Sanzione accessoria della SOSPENSIONE della patente da sei mesi ad un anno.

Terza fascia di gravità (penale)

  • Tasso alcolemico superiore a 1,50 grammi per litro o guida sotto l’effetto di stupefacenti5.
  • Sanzione penale dell’arresto da sei mesi sino ad un anno, oltre l’ammenda va da euro 1.500,00 sino ad un massimo di euro 6.000,00.
  • Sequestro amministrativo finalizzata alla CONFISCA del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il mezzo non appartenga ad un soggetto estraneo al reato.
  • Sanzione accessoria della SOSPENSIONE della patente per un periodo che va da uno a due anni.

Come si svolge l’accertamento per la guida in stato di ebbrezza?

Le forze dell’ordine, nel momento in cui ti fermano alla guida del veicolo, sono libere di sottoporti al test dell’etilometro.

Possono sottoporre esclusivamente il conducente dell’auto a tale esame, non i passeggeri del veicolo.

La valutazione dell’agente è discrezionale e può essere motivata anche dal semplice fatto che hai gli occhi lucidi o sei poco attento.

A volte, prima del vero e proprio test dell’etilometro, potresti essere sottoposto a degli esami preliminari, detti “precursori”.

Lo scopo di tali esami preliminari è quello di sottoporre al successivo test dell’etilometro solo coloro che realisticamente sono sotto l’effetto dell’alcol o di stupefacenti.

Prima dell’etilometro sarai avvertito della facoltà di essere assistito da un avvocato6. Questo non vuol dire che gli agenti devono attendere l’avvocato, ma semplicemente che ti hanno avvertito di tale opzione.

L’accertamento alcolemico consiste nel soffiare due volte nell’etilometro. All’esito del test verranno stampati due “scontrini dell’etilometro”, che saranno allegati al verbale della contestazione.

verbale etilometro guida in stato di ebbrezza

Test dell’etilometro positivo: cosa accade?

In caso di esito positivo dell’esame, cioè risulti ubriaco alla guida, ti verrà immediatamente sospesa la patente in via cautelare.

Gli agenti si prendono materialmente il titolo di guida dalle tue mani e lo trattengono sino a quando non verrà disposta la restituzione7.

L’entità della sospensione cautelare verrà successivamente stabilita dal Prefetto.

Ovviamente, non potrai guidare l’auto sino a casa poiché sei sotto l’effetto dell’acool e senza patente. Pertanto dovrai attendere che un familiare o un amico sobri e con patente, possano portare te e l’auto a casa.

Nelle ipotesi di rilevanza penale (seconda e terza fascia di gravità) ti verrà anche consegnata l’elezione di domicilio8, ossia l’atto che ti informa dell’avvio di un procedimento penale a tuo carico.

Infine, nelle ipotesi più gravi di guida in stato di ebbrezza verrà anche disposto il sequestro del veicolo, finalizzato o alla confisca oppure al fermo temporaneo di 180 giorni.

Ciò sarà possibile solo quando il conducente sanzionato è anche proprietario dell’auto.

Per evitare le spese di custodia dell’auto nel deposito giudiziario potrai essere nominato custode del veicolo e portarlo a casa. Ovviamente, il veicolo sarà sotto sequestro e non potrà circolare.

Cosa vuol dire che la patente è sospesa?

Come indicato sopra, la prima conseguenza della guida in stato di ebbrezza è la sospensione cautelare della patente di guida.

Questo vuol dire che nell’immediatezza del fatto, le forze dell’ordine si prendono la tua patente9.

Successivamente riceverai l’ordinanza del Prefetto che conferma la sanzione e indica esattamente il periodo di sospensione.

In tale provvedimento, il trasgressore viene anche invitato a sottoporsi alla visita medica presso la Commissione Medica Locale competente, al fine di riavere la patente all’esito del periodo di sospensione.

Senza tale visita medica (definita revisione della patente) e senza il parere positivo della commissione medica non potrai riavere la patente.

Lo scopo della revisione della patente è verificare se hai ancora i requisiti psicofisici per guidare.

Se circoli con la patente sospesa, il titolo di guida ti verrà definitivamente revocato e dovrai sostenere nuovamente l’esame di guida per riavere la patente.

Infine, tale sospensione è definita “cautelare” poiché sarà successivamente confermata dal giudice penale in caso di condanna.

In questo caso, il periodo di sospensione cautelare della patente verrà detratto dalla successiva sospensione disposta dal giudice penale. Tale meccanismo prende il nome di “presofferto cautelare“, di cui ti parlerò meglio tra poco.

ritiro cautelare patente di guida in stato di ebbrezza

Cosa vuol dire che l’auto è sequestrata?

Nelle ipotesi più gravi di guida in stato di ebbrezza (terza fascia di gravità oppure nei casi di incidente stradale) è previsto l’immediato sequestro dei veicolo.

Sarà possibile il sequestro solo se il veicolo è di proprietà del conducente sanzionato, in caso contrario non verrà sequestrata l’auto ma verrà raddoppiata la sospensione della patente al colpevole.

Concretamente le forze dell’ordine si prendono il libretto di circolazione, mentre l’auto viene affidata al proprietario, oppure custodita in un deposito giudiziario. In quest’ultimo caso, il trasgressore dovrà pagare anche le spese di custodia.

A seconda della tipologia di violazione contestata, il sequestro sarà qualificato come:

  • fermo amministrativo di 180 giorni10;
  • oppure come sequestro finalizzato alla confisca del veicolo11.

Nel caso di fermo amministrativo, l’auto e la carta di circolazione ti verranno restituite all’esito dei 180 giorni previsti dalle legge.

Al contrario, nei casi di sequestro finalizzato alla confisca del veicolo, perderai definitivamente l’auto poiché, in caso di condanna penale, il Prefetto disporrà la confisca del veicolo per la vendita all’asta.

verbale sequestro auto guida in stato di ebbrezza

Cosa accade se mi rifiuto di sottopormi all’alcoltest?

Se rifiuti di sottoporti all’alcoltest ti verrà applicata la terza fascia di gravità della guida in stato di ebbrezza (la più severa), ossia l’arresto da sei mesi sino ad un anno e l’ammenda da 1.500,00 euro sino ad un massimo di 6.000,00 euro12.

Nonché la sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da uno a due anni.

Inoltre, se l’auto è di tua proprietà ti verrà immediatamente sequestrata per poi essere successivamente CONFISCATA: lo Stato se ne appropria e la mette in vendita all’asta.

Se provoco un incidente in stato di ebbrezza cosa accade?

Innanzitutto, è necessario specificare che per “incidente stradale” la legge non intende necessariamente l’investimento di un pedone, l’urto o danneggiamento di un altro veicolo.

Per far scattare l’aggravante dell’incidente stradale è sufficiente anche l’urto con un albero a ciglio strada o semplicemente uscire dalla sede stradale.

In tutti questi casi, la pene sopra riportate sono raddoppiate e sarà disposto immediatamente il fermo amministrativo del veicolo per 180 giorni13, sempre che l’auto sia di proprietà del conducente in stato di ebbrezza.

Lo scopo del sequestro è quello di non far circolare il veicolo. Ciò avviene in due modi:

  1. le forze dell’ordine, nell’immediatezza del fatto, si prendono il libretto di circolazione;
  2. il proprietario viene anche privato della disponibilità materiale del veicolo, in quanto verrà custodito in un deposito giudiziario. Le spese della custodia sono a carico del conducente sanzionato e dovranno essere pagate alla fine della procedura.

Per evitare le spese della custodia, il conducente sanzionato può essere nominato custode e portare a casa il veicolo, assicurandosi che non circoli per strada.

Incidente stradale causato con tasso acolemico superiore a 1,50 grammi (terza fascia di gravità)

Se hai commesso un incidente stradale e il tasso alcolemico è superiore a 1,50 grammi per litro o il conducente guida sotto l’effetto di stupefacenti, è disposta:

  • immediatamente la sospensione delle patente in via cautelare dal Prefetto finalizzata alla successiva REVOCA che verrà ordinata alla fine del processo penale;
  • il sequestro amministrativo14del veicolo finalizzato alla successiva confisca, che avverrà alla fine del processo penale.

In caso di revoca della patente, a differenza della sospensione, il conducente dovrà sostenere nuovamente l’esame di guida. Tale esame potrà essere svolto dopo tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna penale15.

Per confisca dei veicolo si intende che lo Stato si appropria della tua auto e la vende all’asta. Ciò potrà avvenire solo se il veicolo è di proprietà del conducente in stato di ebbrezza.

Infine, il conducente che ha causato un incidente in uno stato di ebbrezza penalmente rilevante, NON avrà la possibilità di estinguere il reato con i lavori di pubblica utilità, né di beneficiare degli effetti positivi di tale opzione16.

Revoca della patente e guida in stato di ebbrezza: dopo quanto tempo posso riavere la patente?

La revoca della patente è la sanzione amministrativa più grave che può essere irrogata al tuo titolo di guida.

La revoca della patente è prevista esclusivamente quando (devono ricorre entrambe le condizioni):

  • il tasso alcolemico del conducente rientra nella terza fascia di gravita, oppure quando si rifiuta di sottoporsi al test dell’etilometro;
  • il conducente ha causato un incidente stradale.

Nell’immediatezza del fatto, la patente verrà ritirata dalle forze dell’ordine.

Successivamente riceverai l’ordinanza del Prefetto che indica il tempo di sospensione cautelare della patente, nonché la procedura da seguire per riavere momentaneamente la patente in attesa dell’esito del processo penale.

Alla fine del processo penale, il giudice penale invierà la sentenza di condanna al Prefetto e quest’ultimo ordinerà la revoca della patente.

Per riavere la patente dopo la revoca, dovrai attendere tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza penale e rifare l’esame di guida17.

Ecco un esempio di ordinanza del Prefetto che dispone la sospensione temporanea della patente di guida

ordinanza prefetto sospensione patente guida ebbrezza

ordinanza prefetto sospensione patente guida ebbrezza

Ecco un esempio di ordinanza del Prefetto che dispone la revoca della patente di guida alla fine del processo penale

ordinanza del prefetto revoca patente di guida

Sono stato fermato di notte, precisamente alle ore 23.30, cosa cambia?

Se il tuo tasso alcolemico rientra nella seconda o terza fascia, e vieni fermato dopo le ore 22:00 e prima delle ore 7:00, la pena per la guida in stato di ebbrezza è aumentata da un terzo, sino alla metà18.

Inoltre, in sede processuale le eventuali circostanze attenuanti non potranno essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto a tale aggravante.

Pertanto, le diminuzioni di pena si calcoleranno sulla quantità della pena risultante dall’aumento conseguente all’aggravante descritta.

L’auto non è mia, cosa accade nelle ipotesi di fermo amministrativo o confisca?

Se l’auto appartiene ad una persona estranea al reato, anziché disporre il sequestro per 180 giorni o la confisca del veicolo, la legge prevede che sia raddoppiata la sospensione della patente.

Quindi, se l’auto è di un tuo amico o la macchina è noleggiata, il veicolo è salvo, tuttavia ti verrà raddoppiata la sospensione della patente.

Confisca dell’auto cointestata e guida in stato di ebbrezza

Se ti viene contestata la terza fascia di gravità della guida in stato di ebbrezza, oppure hai causato un incidente sotto l’effetto del alcool, l’auto verrà sequestrata e successivamente confiscata.

La confisca dell’auto sarà possibile anche quando l’auto è cointestata con un soggetto estraneo al reato19

In questo caso accadrà che all’esito del processo penale, verrà disposta la confisca e la successiva vendita all’asta del veicolo.

Metà della somma verrà trattenuta dallo Stato, l’altra metà verrà corrisposta al proprietario dell’auto estraneo al reato.

Sono un neopatentato con meno di 21 anni, cosa cambia?

Cambia molto, poiché il codice della strada punisce più severamente i giovani neopatentati che si mettono alla guida in stato di ebbrezza, precisamente chi20:

  • ha un età inferiore ai 21 anni;
  • ha conseguito la patente B da meno di tre anni;
  • per professione guida un veicolo ed è sanzionato durante l’attività lavorativa.

Per tutti questi soggetti la legge vieta la guida in stato di ebbrezza anche con un tasso alcolemico compreso tra 0 e 0,50 grammi per litro

In altre parole, per tali soggetti vige il divieto assoluto di bere alcolici, a prescindere dal tasso alcolemico.

I trasgressori sono puniti con un’ammenda da euro 164,00 a euro 663,00 e la decurtazione di 5 punti sulla patente;

Mentre in caso di tasso alcolemico compreso tra a 0,51 grammi per litro e 0,80 grammi per litro (prima fascia) è prevista una sanzione aumentata di 1/3 rispetto a quella ordinaria.

Infine, la guida con tasso compreso tra 0,81 e 1,50 grammi per litro o superiore a 1,50 grammi per litro comporta un aumento delle sanzioni ordinarie da 1/3 alla metà.

Nel caso di incidente, le sanzioni sono raddoppiate.

Condanna penale per guida in stato di ebbrezza: sanzione penale e amministrativa

Nei casi di rilevanza penale della guida in stato di ebbrezza (seconda e terza fascia di gravità) dovrai preoccuparti, oltre che delle sanzioni amministrative, anche del processo penale.

Nei mesi successivi all’accertamento del fatto riceverai le notifiche giudiziarie che ti avvertono dell’inizio del processo penale a tuo carico.

In caso di condanna penale, la sentenza disporrà la sanzione penale dell’arresto e dell’ammenda, che potranno essere mitigate attraverso i diversi benefici previsti dalla legge, come ad esempio le sospensione condizionale della penale.

Tale sentenza di condanna, dopo che sarà diventata definitiva, verrà inviata dal giudice penale al Prefetto.

Il Prefetto irrogherà le sanzioni amministrative a seconda della tipologia di guida in stato di ebbrezza che ti è stata contestata.

Il Prefetto può irrogare le seguente sanzioni amministrative accessorie della guida in stato di ebbrezza:

  • sospensione della patente;
  • revoca della patente;
  • confisca dell’auto.

Sospensione e revoca della patente e presofferto cautelare

Come meglio spiegato sopra, al momento della contestazione della guida in stato di ebbrezza ti verrà subito ritirata la patente.

Nei mesi successivi al ritiro della patente, riceverai l’ordinanza del Prefetto che indica il periodo preciso di sospensione cautelare della patente.

All’esito di tale periodo e a condizione che tu abbia superato la visita medica di revisione della patente, potrai riavere il tuo titolo guida.

Tuttavia, il tuo problema non sarà risolto, poiché, nelle ipotesi di rilevanza penale della guida in stato di ebbrezza, dovrai affrontare il processo penale.

All’esito del processo penale, in caso di condanna, verrà disposta sia la sanzione penale dell’ammenda e dell’arresto, sia la sanzione amministrativa accessoria della sospensione o revoca della patente.

Fortunatamente il periodo di sospensione cautelare della patente patito all’inizio del procedimento penale verrà sottratto dalla sanzione amministrativa accessoria ordinata dal giudice penale21.

Un meccanismo simile funziona anche nei casi di revoca della patente, poiché il periodo di sospensione cautelare verrà sottratto dai tre anni necessari per rifare l’esame di guida nei casi di revoca della patente22. Così come confermato dal Ministero dell’Interno con la circolare n. 0015224 del 09.11.2020.

Esempio di SOSPENSIONE della patente e presofferto cautelare

  • A seguito del test dell’etilometro, in data 01.01.2020, ti viene contestata la seconda fascia di gravità della guida in stato di ebbrezza. Nell’immediatezza del fatto ti viene ritirata la patente di guida.
  • In data 01.03.2020, ricevi l’ordinanza del Prefetto che dispone la sospensione cautelare della patente per 120 giorni (4 mesi), a partire dal 01.01.2020. Pertanto, la patente è sospesa in via cautelare dal 01.01.2020 sino al 30.04.2020.
  • Il 10.03.2020, come indicato nell’ordinanza del Prefetto, ti sopponi con successo alla visita medica della revisione della patente.
  • In data 01.05.2020 ti viene restituita patente poiché hai superato la visita medica e sono trascorsi i 120 giorni di sospensione disposti dal Prefetto.
  • Il 03.09.2021 si conclude il processo penale e vieni condannato alla pena di quattro mesi di arresto ed euro 600 di ammenda, nonché ad 8 mesi di sospensione della patente.

Grazie al meccanismo del presofferto cautelare, il Prefetto dovrà disporre la sospensione della patente per soli 4 mesi, poiché dagli 8 mesi disposti dal giudice penale andranno sottratti i 4 mesi di sospensione cautelare ordinati dal Prefetto all’inizio del procedimento.

Esempio di REVOCA della patente e presofferto cautelare

  • A seguito del test dell’etilometro, in data 01.01.2020, ti viene contestata la terza fascia di gravità della guida in stato di ebbrezza con incidente stradale. Nell’immediatezza del fatto ti viene ritirata la patente di guida.
  • In data 01.03.2020, ricevi l’ordinanza del Prefetto che dispone la sospensione cautelare della patente per 730 giorni (2 anni), a partire dal 01.01.2020. Pertanto, la patente è sospesa in via cautelare dal 01.01.2020 sino al 31.12.2021.
  • Il 10.12.2021, come indicato nell’ordinanza del Prefetto, ti sopponi con successo alla visita medica della revisione della patente.
  • In data 10.01.2022 ti viene restituita patente poiché hai superato la visita medica e sono trascorsi i 730 giorni di sospensione disposti dal Prefetto.
  • Il 03.09.2023 si conclude il processo penale e vieni condannato alla pena di dieci mesi di arresto ed euro 2.000 di ammenda, nonché la revoca della patente di guida.
  • Il 10.11.2023 il Prefetto ordina la revoca della patente in forza della condanna penale che hai ricevuto. La patente ti viene ritirata e non puoi guidare.

Secondo la legge, potrai rifare l’esame di guida solo dopo 3 anni dalla irrevocabilità della sentenza penale, cioè dopo il 03.09.2026 (03.09.2023 + 3 anni).

Tuttavia, grazie al meccanismo del presofferto cautelare, potrai sostenere nuovamente l’esame di guida già dal 03.09.2024, poiché dai 3 anni di attesa previsti dalla legge andranno sottratti i 2 anni di sospensione cautelare ordinati dal Prefetto all’inizio del procedimento.

Come posso ridurre le sanzioni o evitare la condanna penale? Con i lavori socialmente utili!

  • Se il tuo tasso alcolemico rientra nella prima fascia di gravità, dovrai preoccuparti solo della:
    • sanzione amministrativa pecuniaria (soldi da dare allo Stato);
    • decurtazione di 10 punti dalla patente;
    • sospensione della patente.

In altri termini, dovrai pagare la sanzione pecuniaria e sottoporti alla visita medica della revisione per ottenere rapidamente la patente.

Proprio per questa ragione, anziché intraprendere strade rischiose per un’assoluzione (quasi) impossibile, occorre avere senso pratico e scegliere la strada migliore per ridurre i danni:

  • lavori di pubblica utilità;
  • sospensione del processo con messa alla prova.

La pena sostitutiva dei lavori di pubblica utilità

La prima strada è chiedere la conversione della pena irrogata dal giudice penale, con i lavori di pubblica utilità23

I lavori di pubblica utilità consistono in attività non retribuita a favore della collettività, da svolgere presso enti convenzionati con il tribunale o pressi associazioni che si occupano della sicurezza ed educazione stradale.

I lavori di pubblica utilità avranno una durata pari alla sanzione detentiva irrogata. In caso di sanzione pecuniaria, un giorno di lavoro di pubblica utilità sarà pari a 250,00 euro.

In caso di svolgimento positivo dei lavori di pubblica utilità:

  • il reato verrà dichiarato estinto in un’apposita udienza;
  • la sospensione della patente verrà dimezzata;
  • la confisca del veicolo è revocata: l’auto sequestrata ti verrà restituita (ti viene restituito il libretto di circolazione e l’auto può nuovamente circolare) e non sarà venduta all’asta.

Ecco a te un esempio di sentenza penale per guida in stato ebbrezza nella quale il giudice ha sostituito la pena con i lavori di pubblica utilità:

sentenza guida stato ebbrezza lavori pubblica utilità

 

La pena sostitutiva dei lavori di pubblica utilità è iscritta sul casellario giudiziale?

Dopo aver svolto i lavori di pubblica utilità il reato verrà dichiarato estinto e non sarà visibile sul casellario giudiziale richiesto dai privati.

Questo è possibile grazie all’intervento risolutore della Corte Costituzionale24 con il quale è stato sancito che chi sceglie i lavori di pubblica utilità (come chi sceglie la messa alla prova) ha il diritto NON AVERE nessuna iscrizione sul casellario giudiziale richiesto dai privati.

Pertanto, una volta chiesta la pena sostitutiva dei lavori pubblica utilità e ottenuta la successiva estinzione del reato, potrai presentare un casellario “pulito” e dichiararti incensurato in ossequio alla riforma del casellario.

In ogni caso, la condanna sarà visibile all’autorità giudiziaria e alla pubblica amministrazione. Puoi avere la conferma dell’iscrizione della condanna chiedendo una visura del casellario giudiziale.

Ecco come appare nella visura del casellario giudiziale la condanna in guida in stato di ebbrezza convertita con i lavori di pubblica utilità:

guida in stato di ebbrezza e casellario visura

Se non posso accedere ai lavori di pubblica utilità? La messa alla prova per adulti

Ci sono due ipotesi in cui il conducente ubriaco non può accedere ai lavori di pubblica utilità, precisamente quando:

  1. ha causato un incidente stradale;
  2. in passato ha già beneficiato dei lavori di pubblica utilità.

In questo caso, la strada da seguire per evitare una condanna penale, è la messa alla prova per gli adulti25.

Con la messa alla prova il processo penale viene sospeso e ti è data la possibilità, prima della condanna, di svolgere dei lavori socialmente utili.

Con l’esito positivo della messa alla prova, non dovrai scontare nessuna pena e non avrai la fedina penale sporca.

Inoltre, qualora ti fosse stata sequestrata l’auto per la successiva confisca, l’esito positivo della messa alla prova impedirà al Prefetto di disporre la confisca dell’auto, ma solo nel caso in cui tu NON abbia causato un incidente stradale.

Tuttavia, con la messa alla prova, a differenza dei lavori di pubblicata utilità26 non ci saranno riduzioni sulla sanzione amministrativa della sospensione della patente.

Allo stesso modo, all’esito della messa alla prova il Prefetto potrà irrogare la sanzione accessoria della revoca della patente.

Come posso evitare la confisca dell’auto in caso di incidente?

Come ti ho spiegato sopra, è sempre disposta la confisca del veicolo quando il conducente ubriaco è proprietario del mezzo e

  • il tasso alcolemico rientra nella terza fascia di gravità;
  • oppure rifiuta di sottoporsi all’alcotest.

Per confisca, come meglio spiegato sopra, intendo dire che lo Stato si appropria della tua auto e la vende all’asta.

La strada principale per evitare la confisca dell’auto è quella dei lavori di pubblica utilità, tuttavia qualora tu avessi:

  • provocato un incidente stradale;
  • oppure tu abbia già utilizzato questo “bonus” in passato

NON POTRAI accedere a tale beneficio.

Nel caso in cui tu abbia già utilizzato i lavori di pubblica utilità, l’unico modo che hai per evitare la confisca dell’auto è chiedere la sospensione del processo con la messa alla prova per adulti.

Grazie a questo istituto, meglio descritto sopra, puoi evitare la confisca dell’auto poiché, come stabilito dalla Corte Costituzionale27, l’estinzione del reato a seguito dell’esito positivo della messa alla prova non permette al Prefetto di irrogare la sanzione amministrativa della confisca dell’autovettura.

Al contrario, in caso di incidente stradale e tasso alcolemico rientrante nella terza fascia, o rifiuto di sottoporsi all’alcotest, non ci sarà modo di evitare la confisca dell’auto.

L’aggravante dell’incidente determina la confisca obbligatoria del veicolo, sempre che sia di proprietà del conducente sanzionato.

Conclusioni sulla guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Hai bevuto un bicchiere di troppo e ti sei messo al volante. La polizia stradale ti ha fermato e ti è stata contestata la guida in stato di ebbrezza.

Non disperarti, grazie ai lavori socialmente utili (lavori di pubblica utilità e messa alla prova), puoi evitare la condanna penale, ridurre la sospensione della patente ed evitare la confisca del veicolo.

Guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili rappresentano il migliore connubio per risolvere il problema con il minor danno possibile.


Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voti
Article Rating

Note

  1. Art. 186 del Codice della strada
  2. Art. 187 del Codice della strada
  3. Art. 186, comma II, lettera a) del Codice della strada
  4. Art. 186, comma II, lettera b) del Codice della strada
  5. Art. 186, comma II, lettera c) del Codice della strada
  6. Art. 360 del Codice di Procedura Penale
  7. Art. 223 del Codice della strada
  8. Art. 161 del Codice di Procedura Penale
  9. Art. 223 del Codice della strada
  10. Art. 214 del Codice della strada
  11. Art. 213 del Codice della strada
  12. Art. 186, comma VII, del Codice della strada
  13. Art. 186, comma II bis, del Codice della strada
  14. Art. 224-ter comma VI del Codice della Strada
  15. Art. 219, comma III ter, del Codice della strada
  16. Art. 186, comma IX bis, del Codice della strada
  17. Art. 219, comma III ter, del Codice della strada
  18. Art. 186, comma II sexies, del Codice della strada
  19. Corte di Cassazione, IV sezione penale, sentenza n. 47024 del 13 novembre 2014
  20. Art. 186 bis del Codice della strada
  21. Cassazione Sez. IV Penale, sentenza n. 17650 del 2008
  22. Cassazione Sez. IV Penale, sentenza n. 126 del 2020
  23. Art. 186, comma IX bis, del Codice della strada
  24. Corte Costituzionale sentenza n. 179 del 30 luglio 2020
  25. Art. 168 bis e seguenti del Codice Penale ed art. 464 bis e seguenti del Codice di Procedura Penale
  26. Art. 186, comma IX bis, del Codice della strada
  27. Corte Costituzionale, sentenza n. 75 del 24 aprile 2020
Iscriviti per seguire i commenti della discussione
Notifica
guest
31 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
M_P

salve nel caso in passato abbia usufruito dei lavori socialmente utili
in seguito a rifiuto a sottopormi all’alcoltest e’ possibile farli una seconda volta in caso di accertamento di tasso alcolico oltre il limite? o e’ possibile solo fare richiesta di messa alla prova?

Last edited 4 mesi fa by M_P
Didi

Salve, mi hanno fermata e fatto l’alcol test e avevo 0,98, sono neopatentata
Mi è arrivata la lettera a casa con scritto che mi viene sospesa la patente per 6 mesi, con i lavori sociale utili è possibile diminuire la sospensione?

GUIDO SPINELLI

Buonasera Io ho fatto i lavori socialmente utili ma il giudice non ha revocato la confisca della vettura. Il mio avvocato mi ha detto che trattasi di una svista, che non occorre neanche udienza che e’ gia’ successo e basta pochissimo tempo. Non ho fatto incidenti ho rifiutato alcool test. Esistono casi in cui dopo detti lavori non e’ stata concessa la revoca della confisca?

Lidia

Buongiorno avvocato Il mio compagno ha fatto i lavori socialmente utili si è chiusa la causa penale ma non riesce a riavere il libretto dell auto che nel frattempo ha spostato da un carrozziere e fatta aggiustare I vigili l hanno fatta spostare ma non danno il libretto senza ordine Ma da chi?

Negura Orest

Buon giorno avocato! Io ho portato a buon fine il LPU , il giudice ha dichiarato estinto il reato, ha dimezzato la sospensione della patente da due a un anno, ( comunque per via di questa pandemia sono passati più di due anni di sospensione della patente) e quando sono andato alla prefettura per prendere la patente mia con in mano la copia conforme della sentenza di annullamento della ordine prefettizio, la prefettura mi manda a fare esame di revisione presso la commissione medica locale. Come devo fare in questo caso? Il reato è stato estinto, però la canceleria del… Leggi il resto »

Leonardo

Se nn si finisce in una data stabilita cosa si può rischiare riguardo alla messa alla orova

Matteo

Buongiorno avvocato le scrivo perché ho visto il suo blog,
Il 2/10/20 sono stato vittima di un incidente, l’altro conducente non rispettava lo stop e mi veniva addosso .
Sono stato portato all’ospedale, e hanno rilevato nel mio sangue un tasso alcolemico di 0.9.
Mi sono costituito come consiglio dell’avvocato che ho nominato .
Il preventivo da parte dell’avvocato è di 2000€ ,
Mi domando se a questo punto che mi sono costituito per la messa alla prova, non mi conveniva prendere un avvocato di ufficio?
Mi hanno accettato i servizi socialmente utili.

Matteo

Okey, non lo sapevo .
Grazie dell’informazione

paolo

Buonasera, lei nel suo articolo scrive:
“Ad oggi, dunque, l’estinzione del reato a seguito dei lavori di pubblica utilità determina il grave pregiudizio della visibilità sul casellario richiesto dall’interessato.

Proprio per tale motivo, la Corte di Cassazione13 ha chiesto alla Corte Costituzionale di chiarire e risolvere tale problema. Ad oggi, novembre 2019, siamo ancora in attesa di conoscere la risposta.”

e com’è la situazione di oggi LUGLIO 2020??
Grazie
Cordialmente
Paolo

Mihai Marian

Buongiorno avvocato. Io nel 2012 ho avuto ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza, con un tasso alcolemico di 1,15g/l. Dopo che ho fatto tutti gli esami ongni sei mesi per un tempo di due anni e ho riavuto la mia patente senza dover fare alcun test, mi e arrivata una notifica via posta come che devo ritirare dei documenti giudiziari dal tribunale,però non sono andato a recuperarli e non ho mai risposta a nessuna notifica. Vorei sapere cosa può succedere visto che sono passati otto anni. Mi può arrivare qualche multa salatissima,sarà andata in prescrizione?

Vincenzo

Quando arriva il libretto dopo i lsu