Guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Guida in stato di ebbrezza: come evitare la condanna grazie i lavori socialmente utili

Hai bevuto un bicchiere di troppo e ti sei messo al volante.

La polizia stradale ti ha fermato e ti è stata contestata la guida in stato di ebbrezza.

Non disperarti, grazie ai lavori socialmente utili (lavori di pubblica utilità e messa alla prova), puoi evitare la condanna penale, la revoca della patente e la confisca del veicolo.

Continua a leggere l’articolo per saperne di più su guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Guarda il video articolo sulla guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Che cosa è la guida in stato di ebbrezza?

Il codice della strada punisce severamente chi si mette al volante in stato di ebbrezza, ossia in una condizione di alterazione psicofisica1.

L’alterazione può essere provocata dall’assunzione di alcool, medicinali o sostanze stupefacenti2.

La legge punisce chi si mette al volante in uno stato di alterazione psicofisica, non rilevando le cause dell’alterazione.

In altri termini, o che sia alcool, o droga o un medicinale, non devi metterti al volante quando le tue facoltà intellettive sono ridotte ed i riflessi rallentanti.

Che cosa si rischia con la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti?

La legge prevede tre fasce di gravità per la guida in stato di ebbrezza, in tutti i casi è prevista la decurtazione di dieci punti dalla patente.

  • Prima fascia (non penale) = tasso alcolemico tra 0,52 grammi per litro e non superiore a 0,80 grammi per litro3.

Sanzione amministrativa che va da un minimo di euro 531,00, sino ad un massimo di euro 2.125,00.

Sanzione accessoria della sospensione della patente da un minimo di tre mesi, a un massimo di sei mesi.

L’autorità giudiziaria competente è il giudice di pace, la sanzione irrogata è di natura amministrativa e pertanto non ci sarà alcuna traccia sul casellario giudiziale.

  • Seconda fascia (fattispecie penale) = tasso alcolemico tra 0,81 grammi per litro e non superiore a 1,50 grammi per litro4.

Sanzione penale dell’arresto fino a sei mesi, oltre l’ammenda che va da euro 800,00 sino ad un massimo di euro 3.200,00.

Sanzione accessoria della sospensione della patente da sei mesi ad un anno.

  • Terza fascia (fattispecie penale) = tasso alcolemico superiore a 1,50 grammi per litro o guida sotto l’effetto di stupefacenti5.

Sanzione penale dell’arresto da sei mesi sino ad un anno, oltre l’ammenda va da euro 1.500,00 sino ad un massimo di euro 6.000,00.

Confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il mezzo non appartenga ad un soggetto estraneo al reato.

Sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da uno a due anni.

Cosa accade se mi rifiuto di sottopormi all’alcoltest?

Se rifiuti di sottoporti all’alcoltest ti verrà applicata in automatico la terza fascia di gravita della guida in stato di ebbrezza, ossia l’arresto da sei mesi sino ad un anno e l’ammenda da 1.500,00 euro sino ad un massimo di 6.000,00 euro6.

Nonché la sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da uno a due anni.

Inoltre, se l’auto è di tua proprietà ti verrà confiscata: lo Stato se ne appropria e la mette in vendita all’asta.

Se provoco un incidente in stato di ebbrezza cosa accade?

Innanzitutto, per incidente la legge non intende necessariamente l’investimento di un pedone o un sinistro con un’altro veicolo.

Per far scattare l’aggravante è sufficiente anche l’urto con un albero a bordo strada.

In tutti questi casi, la pene sopra riportate sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per centottanta giorni7.

Inoltre, se il tasso alcolemico è superiore a 1,50 grammi per litro o il conducente guida sotto l’effetto di stupefacenti, è disposta la revoca della patente e la confisca del veicolo.

In caso di revoca della patente, a differenza della sospensione, il guidatore dovrà sostenere nuovamente l’esame di guida.

Per confisca si intende che lo Stato si appropria della tua auto e la vende all’asta (per capire come evitare di perdere l’auto continua a leggere l’articolo).

Altresì, nell’immediatezza del fatto, l’auto verrà sequestrata per la successiva confisca8.

Mentre la patente verrà sospesa in via cautelare e revocata all’esito del processo penale.

Infine, il conducente che ha causato un incidente in uno stato di ebbrezza penalmente rilevante, non avrà la possibilità di estinguere il reato con i lavori di pubblica utilità, né di beneficiare degli effetti positivi di tale opzione9.

Sono stato fermato di notte, precisamente alle ore 23.30, cosa cambia?

Se il tuo tasso alcolemico rientra nella seconda o terza fascia, e vieni fermato dopo le ore 22:00 e prima delle ore 7:00, la pena per la guida in stato di ebbrezza è aumentata da un terzo, sino alla metà10.

Inoltre, in sede processuale le eventuali circostanze attenuanti non potranno essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto a tale aggravante.

Pertanto, le diminuzioni di pena si calcoleranno sulla quantità della pena risultante dall’aumento conseguente all’aggravante descritta.

L’auto non è mia, cosa accade nelle ipotesi di fermo amministrativo o confisca?

Tuttavia, se l’auto appartiene ad una persona estranea al reato, anziché disporre il sequestro o la confisca del veicolo, la legge prevede che sia raddoppiata la sospensione della patente.

Quindi, se l’auto è di un tuo amico, il veicolo è salvo, tuttavia ti verrà raddoppiata la sospensione della patente.

Sono un neopatentato con meno di 21 anni, cosa cambia?

Cambia molto, poiché il codice della strada punisce più severamente i giovani neopatentati che si mettono alla guida in stato di ebbrezza, precisamente chi11:

  • ha un età inferiore ai 21 anni;
  • ha conseguito la patente B da meno di tre anni;
  • per professione guida un veicolo ed è sanzionato durante l’attività lavorativa.

Per tutti questi soggetti la legge vieta la guida in stato di ebbrezza anche con un tasso alcolemico compreso tra 0 e 0,50 grammi per litro

I trasgressori sono puniti con un’ammenda da euro 164,00 a euro 663,00 e la decurtazione di cinque punti sulla patente;

Mentre in caso di tasso alcolemico compreso tra a 0,51 grammi per litro e 0,80 grammi per litro (prima fascia) è prevista una sanzione aumentata di 1/3 rispetto a quella ordinaria.

Infine, la guida con tasso compreso tra 0,81 e 1,50 grammi per litro o superiore a 1,50 grammi per litro comporta un aumento delle sanzioni ordinarie da 1/3 alla metà.

Nel caso di incidente, le sanzioni sono raddoppiate.

Come posso ridurre le sanzioni o evitare la condanna penale? Con i lavori socialmente utili!

  • Se il tuo tasso alcolemico rientra nella prima fascia di gravità, dovrai preoccuparti solo della:
    • sanzione amministrativa pecuniaria;
    • decurtazione dei punti
    • sospensione della patente.

In altri termini, dovrai pagare la sanzione pecuniaria ed adoperarti per ottenere rapidamente la patente.

  • Se il tuo tasso alcolemico rientra nella seconda o terza fascia, devi fare i conti con la sanzione penale e valutare tutti gli effetti negativi che derivano da una condanna penale, come ad esempio la fedina penale sporca.

Proprio per questa ragione, anziché intraprendere strade rischiose per un’assoluzione (quasi) impossibile, occorre avere senso pratico e scegliere la strada migliore per ridurre i danni: i lavori socialmente utili, nelle forma dei lavori di pubblica utilità o della messa alla prova.

La pena sostitutiva dei lavori di pubblica utilità

La prima strada consigliata è chiedere la conversione della pena irrogata dal giudice penale, con i lavori di pubblica utilità12

I lavori di pubblica utilità consistono in attività non retribuita a favore della collettività, da svolgere presso enti convenzionati con il tribunale.

I lavori di pubblica utilità avranno una durata pari alla sanzione detentiva irrogata. In caso di sanzione pecuniaria, un giorno di lavoro di pubblica utilità sarà pari a 250,00 euro.

In caso di svolgimento positivo dei lavori di pubblica utilità:

  • il reato verrà dichiarato estinto;
  • la sospensione della patente verrà dimezzata;
  • la confisca del veicolo è revocata: l’auto sequestrata ti verrà restituita.

La pena sostitutiva dei lavori di pubblica utilità è iscritta sul casellario giudiziale?

Dopo aver svolto i lavori di pubblica utilità il reato verrà dichiarato estinto.

Tuttavia, l’estinzione del reato sarà annotata sul casellario richiesto dai privati e, pertanto, sarà visibile a tutti.

Ad oggi, dunque, l’estinzione del reato a seguito dei lavori di pubblica utilità determina il grave pregiudizio della visibilità sul casellario richiesto dall’interessato.

E’ evidente al disparità di trattamento tra chi sceglie i lavori di pubblica utilità rispetto a chi sceglie la messa alla prova, in quest’ultimo caso non ci sarà nessuna iscrizione sulla fedina penale.

Proprio per tale motivo, la Corte di Cassazione13 ha chiesto alla Corte Costituzionale di chiarire e risolvere tale problema. Ad oggi, novembre 2019, siamo ancora in attesa di conoscere la risposta.

Se non posso accedere ai lavori di pubblica utilità? La messa alla prova per adulti

Qualora avessi provocato un incidente mentre eri alla guida in stato di ebbrezza, oppure hai già beneficiato in passato dei lavori di pubblica utilità, non potrai chiedere la sostituzione della pena con i lavori socialmente utili.

In questo caso, la strada da seguire per evitare una condanna penale, è la messa alla prova per gli adulti14.

In pratica, con la messa alla prova il processo penale viene sospeso e ti è data la possibilità, prima della condanna, di svolgere dei lavori socialmente utili.

Con l’esito positivo della messa alla prova, non dovrai scontare nessuna pena e non avrai la fedina penale sporca.

Inoltre, qualora ti fosse stata sequestrata l’auto per la successiva confisca, l’esito positivo della messa alla prova impedirà al Prefetto di disporre la confisca dell’auto.

Grazie alla messa alla prova per gli adulti, pertanto, potrai evitare la condanna penale e riavere la tua auto, tuttavia il prefetto potrà irrogare la sanzione accessoria della revoca della patente.

Come posso evitare la confisca dell’auto in caso di incidente?

Come ti ho spiegato sopra, nei casi più gravi di guida in stato di ebbrezza è prevista la confisca dell’auto qualora il conducente ubriaco sia anche il proprietario del veicolo.

Per confisca intendo dire che lo Stato si appropria della tua auto e la vende all’asta.

Come meglio spiegato sopra, la strada principale per evitare la confisca dell’auto è quella dei lavori di pubblica utilità, tuttavia qualora tu avessi provocato un incidente stradale oppure tu abbia già utilizzato questo “bonus” in passato, NON POTRAI accedere a tale beneficio.

In questo caso, l’unico modo che hai per evitare la confisca dell’auto è chiedere la sospensione del processo con la messa alla prova per adulti.

Grazie a questo istituto, meglio descritto sopra, puoi evitare la confisca dell’auto poiché, come stabilito dalla Corte Costituzionale15, l’estinzione del reato a seguito dell’esito positivo della messa alla prova non permette al Prefetto di irrogare la sanzione amministrativa della confisca dell’autovettura.

Conclusioni sulla guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili

Hai bevuto un bicchiere di troppo e ti sei messo al volante. La polizia stradale ti ha fermato e ti è stata contestata la guida in stato di ebbrezza.

Non disperarti, grazie ai lavori socialmente utili (lavori di pubblica utilità e messa alla prova), puoi evitare la condanna penale, la revoca della patente e la confisca del veicolo.

Guida in stato di ebbrezza e lavori socialmente utili rappresentano il migliore connubio per risolvere il problema con il minor danno possibile.

Contattato lo studio legale per ottenere la sospensione del provvedimento del prefetto, per accedere ai lavori socialmente utili così da riottenere la patente in poche settimane.


Print Friendly, PDF & Email
0 0 Vota
Article Rating

Note

  1. Art. 186 del Codice della strada
  2. Art. 187 del Codice della stada
  3. Art. 186, comma II, lettera a) del Codice della strada
  4. Art. 186, comma II, lettera b) del Codice della strada
  5. Art. 186, comma II, lettera c) del Codice della strada
  6. Art. 186, comma VII, del Codice della strada
  7. Art. 186, comma II bis, del Codice della strada
  8. Art. 224-ter comma VI del Codice della Strada
  9. Art. 186, comma IX bis, del Codice della strada
  10. Art. 186, comma II sexies, del Codice della strada
  11. Art. 186 bis del Codice della strada
  12. Art. 186, comma IX bis, del Codice della strada
  13. Corte di Cassazione, I sez. penale, ordinanza n. 17270/2019
  14. Art. 168 bis e seguenti del Codice Penale ed art. 464 bis e seguenti del Codice di Procedura Penale
  15. Corte Costituzionale, sentenza n. 75 del 24 aprile 2020
Iscriviti per seguire i commenti della discussione
Notifica
guest
15 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
paolo

Buonasera, lei nel suo articolo scrive:
“Ad oggi, dunque, l’estinzione del reato a seguito dei lavori di pubblica utilità determina il grave pregiudizio della visibilità sul casellario richiesto dall’interessato.

Proprio per tale motivo, la Corte di Cassazione13 ha chiesto alla Corte Costituzionale di chiarire e risolvere tale problema. Ad oggi, novembre 2019, siamo ancora in attesa di conoscere la risposta.”

e com’è la situazione di oggi LUGLIO 2020??
Grazie
Cordialmente
Paolo

Mihai Marian

Buongiorno avvocato. Io nel 2012 ho avuto ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza, con un tasso alcolemico di 1,15g/l. Dopo che ho fatto tutti gli esami ongni sei mesi per un tempo di due anni e ho riavuto la mia patente senza dover fare alcun test, mi e arrivata una notifica via posta come che devo ritirare dei documenti giudiziari dal tribunale,però non sono andato a recuperarli e non ho mai risposta a nessuna notifica. Vorei sapere cosa può succedere visto che sono passati otto anni. Mi può arrivare qualche multa salatissima,sarà andata in prescrizione?

Vincenzo

Quando arriva il libretto dopo i lsu

Luca

Salve, chiedevo se è possibile sapere quali sono i tempi certi per cui il prefetto deve mandare il provvedimento di revoca della pantente a casa, la raccomandata per intenderci. C’è un termine entro il cui devono tenersi? 90gg?. Grazie anticipatamente per la risposta.

Luca

La ringrazio, mi è stato contestato l’art. 186 cds, che nel mio caso prevede la revoca patente (sanzione accessoria) è passato un mese e mezzo dall’infrazione, ed ancora non ho ricevuto nulla per posta, mi chiedevo quali sono i termini che ha la prefettura per notificarmi il provvedimento tramite raccomandata. Ho letto da qualche parte 90gg, dopo di cio’ si può fare ricorso per ”irragionevolezza dei tempi di notifica”. Grazie

Luca

186 cds guida in stato di ebbrezza 1.6gr/l, incidente stradale con danni a cose di lieve entita’. Dato che i danni all’altra autovettura erano poco rilevanti e stava diluviando ho preso il numero di targa della macchina coinvolta e sono andato via a casa. I carabinieri mi raggiungevano poco dopo a casa contestandomi il tutto dopo avermi condotto al comando locale. Ne consegue sanzione amministrativa, revoca e confisca auto, come prevede il suddetto articolo del cds. Adesso come dicevo, a distanza di un mese e mezzo il prefetto non ha ancora emesso nessun provvedimento di notifica a mezzo raccomandata. Dunque… Leggi il resto »

Alessio

Buongiorno,
DOMANDA….Devo attendere per forza l’arrivo del provvedimento o posso anticipare i tempi e recarmi io dal giudice e iniziare sin da subito a svolgere tali servizi???
Grazie mille

Anna

Se non mi presento hai lavori socialmente utili cosa succede?

Maria

Ottimo articolo, complimenti