La riforma del casellario 2018 avvocato pappa

La riforma del casellario giudiziale: meglio tardi che mai!

Questo articolo utilizza un linguaggio atecnico, finalizzato a far comprendere a tutti le principali novità introdotte nel casellario giudiziale con il decreto legislativo del 2 ottobre 2018, n. 122.

Con la riforma del casellario giudiziale il sistema è diventato più coerente, sono state introdotte importanti novità in tema di autocertificazione e messa alla prova. Tuttavia, queste positive novità entreranno in vigore tra un anno, ossia dopo il 10.11.2019.

Di seguito una rapida carrellata delle principali novità che riguardano l’utente finale, ossia il cittadino.

Le iscrizioni relative alla sospensione del procedimento con messa alla prova

Oggi (09.11.2018)

Attualmente nel casellario ad uso dei privati (dell’interessato) risulta visibile l’iscrizione avente ad oggetto il procedimento di messa alla prova.

Vuol dire che il datore di lavoro che vi chiede il casellario giudiziale, verrà a conoscenza della messa alla prova.

Tecnicamente non è un precedente penale, tuttavia non è un bel biglietto da visita.

Non mi sorprenderei se venisse scelta una persona con un casellario pulito, rispetto a chi ha un’iscrizione relativa alla messa alla prova.

Domani (dopo il 10.11.2019)

Nel casellario ad uso dei privati (dell’interessato) non sarà visibile l’iscrizione avente ad oggetto la messa alla prova: né l’ordinanza, né la sentenza che dichiara estinto il reato saranno presenti.

Finalmente si è dato un senso alla messa alla prova che si conclude con esito positivo: il privato che chiede il casellario (ad esempio il datore di lavoro) non verrà a conoscenza della messa alla prova.

Cosa dichiarare nell’autocertificazione?

Oggi (09.11.2018)

In questo momento non c’è una norma che indirizza il cittadino nell’autocertificazione. In altri termini, l’attuale modus operandi è frutto della giurisprudenza e della prassi. Pertanto, occorrerà leggere di volta in volta cosa si autocertifica, esponendosi a dei rischi oppure mettendo a conoscenza il terzo di dati personali che si potevano omettere.

Facendo un esempio, secondo l’orientamento giurisprudenziale dominante non vi è l’obbligo di dichiarare le condanna oggetto di riabilitazione. Tuttavia, può capitare che l’amministrazione di turno che riceve tale autocertificazione possa ritenere la stessa un falso. Parimenti, per un altro ente potrebbe andare bene. Inoltre, non è da escludere la possibilità di subire un processo penale per aver omesso di indicare una condanna in un’autocertificazione.

Domani (dopo il 10.11.2019)

Il legislatore ha fatto chiarezza su questo argomento, disciplinando la fattispecie.

In futuro NON DOVRANNO ESSERE INDICATE in un’autocertificazione le seguenti iscrizioni:

a) alle condanne irrogate con il beneficio della non menzione ai sensi dell’art. 175 del codice penale, salvo che il beneficio non sia stato revocato;

b) alle condanne per contravvenzioni punibili con la sola ammenda e alle condanne per reati estinti a norma dell’articolo 167, primo comma, del codice penale (estinzione per pena sospesa);

c) alle condanne per i reati per i quali si è verificata la causa speciale di estinzione prevista dall’articolo 556 del codice penale (ipotesi specifica di bigamia);

d) alle condanne in relazione alle quali è stata definitivamente applicata l’amnistia e a quelle per le quali è stata dichiarata la riabilitazione, senza che questa sia stata in seguito revocata;

e) ai provvedimenti previsti dall’articolo 445 del codice di procedura penale (patteggiamento sotto i due anni) e ai decreti penali, quando la pena irrogata non superi i due anni di pena detentiva soli o congiunti a pena pecuniaria;

f) alle condanne per fatti che la legge ha cessato di considerare come reati, quando la relativa iscrizione non è stata eliminata;

f-bis) ai provvedimenti giudiziari che hanno dichiarato la non punibilità ai sensi dell’articolo 131-bis del codice penale (tenuità del fatto), quando la relativa iscrizione non è stata eliminata;

g) ai provvedimenti riguardanti misure di sicurezza conseguenti a sentenze di proscioglimento o di non luogo a procedere, quando le misure sono state revocate;

h) ai provvedimenti che riguardano l’applicazione delle misure di prevenzione della sorveglianza speciale semplice o con divieto o obbligo di soggiorno;

i) ai provvedimenti giudiziari emessi dal giudice di pace;

l) ai provvedimenti giudiziari relativi ai reati di competenza del giudice di pace emessi da un giudice diverso, limitatamente alle iscrizioni concernenti questi reati;

m) ai provvedimenti di interdizione, di inabilitazione e relativi all’amministrazione di sostegno, quando esse sono state revocate;

m-bis) ai provvedimenti che ai sensi dell’articolo 464-quater del codice di procedura penale dispongono la sospensione del procedimento con messa alla prova;

m-ter) alle sentenze che ai sensi dell’articolo 464-septies del codice di procedura penale dichiarano estinto il reato per esito positivo della messa alla prova;

Eliminazione automatica delle iscrizioni nel casellario e nei carichi pendenti

Oggi (09.11.2018)

Le iscrizioni nel casellario giudiziale sono eliminate al compimento dell’ottantesimo anno di età o per morte della persona alla quale si riferiscono.

Le iscrizioni dei carichi pendenti sono eliminante al compimento dell’ottantesimo anno di età o per morte della persona alla quale si riferiscono

Domani (dopo il 10.11.2019)

Le iscrizioni nel casellario giudiziale sono eliminate decorsi quindici anni dalla morte della persona alla quale si riferiscono e, comunque, decorsi cento anni dalla sua nascita.

Le iscrizioni dei carichi pendenti sono eliminante per morte della persona alla quale si riferiscono

Unificazione dei certificati

Oggi (09.11.2018)

Esistono tre tipi di certificati: generale, penale e civile.

Il cittadino per avere un quadro completo deve chiedere più certificati e spendere più soldi in marche da bollo.

Domani (dopo il 10.11.2019)

Esisterà un unico certificato, che conterrà le iscrizione che prima venivano suddivise in più certificati.

Il cittadino risparmia tempo e soldi e la pubblica amministrazione semplifica il proprio lavoro.

Certificazione europea

Oggi (09.11.2018)

Nel casellario giudiziale sono presenti solo le condanne emesse dallo Stato Italiano o riconosciute da quest’ultimo.

Se sei stato condannato in Francia, e lo Stato Italiano non ha riconosciuto la sentenza straniera, nel tuo casellario italiano non risulterà la condanna francese.

Domani (dopo il 10.11.2019)

In calce al casellario giudiziale italiano sarà indicata la presenza di o meno di condanne in ambito europeo.

Entrata in vigore e considerazioni finali

Tutte queste positive novità entreranno in vigore decorso un anno dalla pubblicazione del decreto legislativo del 2 ottobre 2018, n. 122, ossia 10 NOVEMBRE 2019.

Ritengo che sia una buona riforma, armonizza il casellario rispetto alle recenti riforme e risponde alle esigenze di semplificazione e trasparenza richiesteci dall’Europa.

Peccato per l’entrata in vigore ritardata: dovremo attendere un anno prima di poter beneficiare di tale riforma, sperando che non ci siano ulteriori rinvii.

P.S. Ci sono anche altre piccole novità, tuttavia non toccano il cittadino ma la pubblica amministrazione, per tale motivo ho preferito scrivere un articolo che evidenzia gli aspetti che toccano prevalentemente l’utente finale.


Iscritto dal gennaio 2015 all’ordine degli avvocati di napoli.
Appassionato di nuove tecnologie e di tutto ciò che gravita intorno al diritto penale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Commenta