Liberazione anticipata come calcolare i giorni e scrivere la domanda

Liberazione anticipata: come calcolare i giorni e scrivere la domanda

Questo articolo utilizza un linguaggio atecnico, finalizzato a far comprendere a tutti il funzionamento della liberazione anticipata. Se siete avvocati o giuristi, state lontano da questa pagina.

Grazie alla liberazione anticipata il condannato può ottenere una riduzione della pena pari a 45 giorni per ogni semestre espiato.
Affinché ciò avvenga è fondamentale avere un buona condotta e partecipare alle attività rieducative dell’istituto carcerario.

Che cosa è la liberazione anticipata?

L’art. 54 dell’Ordinamento penitenziario disciplina l’istituto della liberazione anticipata.

Con la liberazione anticipata il condannato beneficia di una riduzione della pena, pari a 45 giorni per ogni singolo semestre di pena scontata.

Grazie alla liberazione anticipata, pertanto, il termine finale di detenzione viene anticipato.

Chi può beneficiarne?

Tutti i condannati a pena definitiva (anche all’ergastolo), per qualsiasi reato e senza alcuna esclusione.

La liberazione anticipata può essere chiesta dal condannato che sta espiando la pena:

  • in carcere;
  • in detenzione domiciliare;
  • affidamento al servizio sociale o in comunità.

Quali sono i presupposti?

Il presupposto principale della liberazione anticipata è aver dato “prova di partecipazione all’opera di rieducazione”.

In altre parole, occorre la cosiddetta “buona condotta”.

In cosa consiste la “buona condotta”?

Per colui che sta espiando la pena in detenzione domiciliare o in affidamento ai servizi sociali, la buona condotta si concretizza nel rispettare le prescrizione impartite dal magistrato di sorveglianza.

In altri termini, rispettare gli orari di entrate ed uscita nei casi di affidamento ai servizi sociali, non ricevere denunce ed evitare nuovi procedimenti penali.

Per colui che, invece, sta espiando la pena in carcere, la buona condotta si realizza,

  • rispettare le prescrizioni carcerarie,
  • partecipare alle attività rieducative dell’istituto carcerario.

Quando si può presentare la richiesta e come si calcolano i semestri?

Il punto di partenza è avere una sentenza definitiva, ossia una condanna passata in giudicato.

Prima di questo momento, non si può chiedere la liberazione anticipata, poiché non si sta scontando una pena, ma si è in custodia cautelare.

Si può parlare di liberazione anticipata solo dopo che la sentenza è divenuta definitiva.

Liberazione anticipata e pre-sofferto in custodia cautelare.

Se prima della sentenza definitiva, hai trascorso del tempo in custodia cautelare in carcere o ai domiciliari, tale tempo potrà essere computato nella richiesta di liberazione anticipata.

Esempio

Tizio viene arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti in data 01.01.2010;

A seguito dell’arresto, a Tizio viene applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari;

In data 01.10.2010, Tizio viene condannato ad anni 2 e mesi 4 di reclusione;

In data 01.12.2010, dopo che la condanna è divenuta definitiva, la Procura notifica a Tizio l’ordine di esecuzione della pena.

Dopo la notifica dell’ordine di esecuzione, Tizio, relativamente al semestre trascorso agli arresti domiciliari (dal 01.01.2010 al 01.07.2010), potrà avanzare la richiesta di liberazione anticipata.

Pertanto, i mesi trascorsi in custodia cautelare verranno computati ai fini della liberazione anticipata.

Liberazione anticipata per il condannato libero

Caio in data 01.01.2010 viene denunciato per ricettazione, ed affronta il processo da uomo libero.

In data 01.01.2011 viene condannata alla pena di anni 1 e mesi 8 di reclusione, senza pena sospesa.

Il 01.04.2011, Caio riceve l’ordine di esecuzione e contestuale sospensione della pena. Caio avanza istanza per la detenzione domiciliare.

In data 01.09.2011, il Tribunale di Sorveglianza concede la misura alternativa della detenzione domiciliare.

Il 01.10.2011, Caio inizia la detenzione domiciliare.

In data 01.04.2012, Caio ha espiato i primi 6 mesi di detenzione domiciliare, pertanto, da tale momento potrà chiedere la liberazione anticipata relativa al semestre che va dal 01.10.2011 al 01.04.2012.

Chi decide e dove si presenta l’istanza?

Il magistrato di sorveglianza decide sulla liberazione anticipata.

Il provvedimento viene emesso in camera in consiglio senza la presenza delle parti.

Contro l’ordinanza, entro 10 giorni dalla notifica, il difensore, l’interessato ed il pubblico ministero possono, proporre reclamo al Tribunale di sorveglianza.

Come viene valutato il semestre?

Ogni semestre viene valutato autonomamente, secondo il principio “atomistico”.

Questo vuol dire che la liberazione anticipata potrà essere concessa per un semestre e non concessa per un altro semestre.

Se nel primo semestre ti sei comportato bene, mentre nel secondo hai violato delle prescrizione, la valutazione della liberazione anticipata per il primo periodo sarà autonoma rispetto a quella del secondo.

Dopo quanto tempo ricevo una risposta?

Non c’è un termine perentorio per far prendere una decisione al giudice.

Può capitare che nell’attesa di ricevere una risposta, il condannato venga anche liberato senza aver avuto alcuno sconto di pena!

Proprio per questo motivo, si consiglia di presentare la domanda un paio di mesi prima della maturazione del semestre, in modo tale da far fissare la camera di consiglio poco dopo la maturazione del semestre.

In ogni caso, il magistrato potrà decidere solo dopo il decorso del semestre.

Su cosa si basa la valutazione del magistrato di sorveglianza?

Se sei ai domiciliari o in affidamento ai servizi sociali, la valutazione si baserà sulla relazione trasmessa dalle forze dell’ordine che ti controllano.

Proprio per evitare ritardi o inutili rinvii, è opportuno andare in cancelleria e verificare se sono state trasmesse le informazioni all’ufficio di sorveglianza.

Invece, se sei detenuto in carcere la trasmissione di tali informazioni è più rapida, e provvederà direttamente la segreteria dell’istituto di detenzione.

Come è scritta un’istanza?

Di seguito un modello di istanza per la liberazione anticipata con allegata risposta da parte del magistrato di sorveglianza.

Liberazione anticipata come calcolare i giorni e scrivere la domanda_FB Liberazione anticipata come calcolare i giorni e scrivere la domanda_FB

Può essere revocato il beneficio?

Sì, il beneficio può essere revocato quando il condannato riporta “una condanna per delitto non colposo commesso nel corso dell’esecuzione successivamente alla concessione del beneficio”.

La revoca della liberazione anticipata concessa potrà, dunque, avvenire anche dopo aver espiato la pena.

Ciò determinerà un nuovo arresto del condannato, il quale dovrà espiare una pena pari alla durata della liberazione anticipata concessa.

Liberazione anticipata ed ergastolo

Come detto sopra, può beneficiare della liberazione anticipata anche chi è stato condannato all’ergastolo.

Questo non vuol dire che la pena sarà ridotta, ma semplicemente che giorni della liberazione anticipata verranno considerati come già espiati.

Grazia questa riduzione di pena virtuale, l’ergastolano potrà ottenere anzitempo i permessi premio, la semilibertà o la liberazione condizionale.

Conclusioni

Grazie alla liberazione anticipata il condannato può ottenere una riduzione della pena pari a 45 giorni per ogni semestre espiato. Affinché ciò avvenga è fondamentale avere un buona condotta e partecipare alle attività rieducative dell’istituto carcerario.


Iscritto dal gennaio 2015 all’ordine degli avvocati di napoli.
Appassionato di nuove tecnologie e di tutto ciò che gravita intorno al diritto penale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Commenta