ripulire la fedina penale

Ripulire la fedina penale: come, dove, quando e perché?

Questo articolo utilizza un linguaggio atecnico, finalizzato a far comprendere a tutti le nozioni del casellario giudiziale e dei carichi pendenti, volgarmente detti “fedina penale”.

Guarda il video-articolo su come RIPULIRE la FEDINA PENALE

Aggiornamento novembre 2018

Con il decreto legislativo del 2 ottobre 2018, n. 122, il legislatore ha riformato il casellario giudiziale.

Le informazioni del presente articolo vanno, pertanto, integrate con quanto introdotto dalla riforma.

Ti consiglio di leggere il mio articolo“La riforma del casellario giudiziale: meglio tardi che mai” che evidenzia le principali novità della riforma.

Per dubbi i domande non esitate a contattarmi (prima di scrivermi procuratevi una visura1)

Cosa sono la fedina penale e il casellario giudiziale?

Per “fedina penale” si intende il documento, definito “casellario giudiziale”, in cui sono iscritte per estratto tutte le condanne penali passate in giudicato.

Per passate in giudicato intendo i procedimenti definiti con sentenza o decreto penale di condanna, non più impugnabili.

Diversamente, quando il procedimento è ancora pendente, tale iscrizione è presente nel certificato dei “carichi pendenti”, o nel certificato 335 c.p.p. che, appunto, elenca i procedimenti in corso (pendenti) e non ancora definitivi.

Cosa vuol dire essere pregiudicato?

La risposta è semplice: si ha un precedente penale, e dunque si è pregiudicati, solo quando è presente una iscrizione nel casellario giudiziale.

In altri termini, solo quando il processo si è chiuso con una sentenza o  con un decreto penale di condanna DEFINITIVI.

In tutte le altre ipotesi non si è pregiudicati, ma semplicemente si ha un carico pendente, ossia un procedimento in corso che ancora non si è chiuso.

Nel momento in cui arriverà con una condanna definitiva, l’iscrizione verrà cancellata dai carichi pendenti e passerà nel casellario giudiziale.

Cosa vuol dire ripulire la fedina penale?

Ovviamente, con tale domanda si fa riferimento al casellario giudiziale, poiché, come anzidetto, i carichi pendenti per loro natura sono provvisori.

Tuttavia prima di poter rispondere è necessario comprendere lo scopo e il funzionamento del casellario.

Il casellario è un archivio dove viene trascritta la storia della condanne penali passate in giudicato di un cittadino.

Quindi, leggendo il casellario è possibile conoscere i precedenti penali di una persona e capirne, ad esempio, l’affidabilità per un determinato lavoro.

Ho sentito che esiste un doppio casellario?

La domanda è formulata male, ma semplificando la risposta è sì.

Nel dettaglio, le condanne passate in giudicato vengono tutte iscritte sul casellario, ciononostante non tutte sono visionabili da parte del cittadino.

Questo perché per alcuni reati meno gravi o per determinati tipi di sentenze (ad esempio il patteggiamento), è concesso il beneficio della non menzione nel casellario.

In altri termini, occorre distinguere due tipi di casellario a seconda da chi viene richiesto.

Se il casellario è richiesto dal cittadino (dunque lo stesso soggetto interessato), quest’ultimo si ritroverà tra la mani un certificato parziale, che non mostra tutte le iscrizioni.

Saranno, ad esempio, escluse la sentenze di patteggiamento, i decreti penali di condanna e le condanne con le quali è stato concesso il beneficio della non menzione nel casellario.

Lo scopo di questa visione parziale è quello di non pregiudicare il cittadino che ha subito una condanna per un reato lieve.

Quindi se Tizio è stato condannato per una diffamazione ed ha beneficiato della non menzione nel casellario, vorrà dire che il casellario giudiziale richiesto da Tizio non riporterà tale condanna.

Questo, però, non vuol dire che la condanna non è iscritta nel casellario, ma semplicemente che non è visibile agli occhi del cittadino privato.

Diversamente, se il casellario è richiesto dall’autorità giudiziaria o dall’amministrazione pubblica, quest’ultimi potranno accedere alla versione integrale del certificato penale e leggere così tutte le iscrizioni presenti.

È possibile cancellare un precedente penale?

Salvo alcune ipotesi particolari (condanne emesse dal giudice di pace per reati lievi, ecc…), le iscrizioni non si cancellano.

Avete capito bene, il precedente penale sarà sempre presente nel casellario e riverbererà i suoi effetti (quasi) per sempre.

Gli unici strumenti che si hanno per limitare gli effetti negativi sono

  1. la riabilitazione
  2. o l’incidente di esecuzione in caso di patteggiamento o decreto penale di condanna.

Questo non vuol dire che a seguito di tale procedure l’iscrizione verrà cancellata, ma semplicemente che accanto all’iscrizione verrà aggiunta una importantissima dicitura che reciterà “reato estinto”.

Tecnicamente tale dicitura fa sì che pur se presente visivamente nel casellario, il precedente non avrà più alcun effetto, ripristinando la vostre facoltà giuridiche perse con la condanna.

Ad esempio non potrà essere contestata la recidiva.

Ma allora cosa vuol dire ripulire la fedina penale?

Dunque, “ripulire la fedina penale” a seconda del tipo di reato può avere un significato diverso.

Se il reato è lieve e si sono realizzate determinate condizioni (ad esempio sono decorsi dieci anni dalla condanna emessa dal giudice di pace) è possibile chiedere la cancellazione dell’iscrizione. E per cancellazione intendo l’effettiva eliminazione dell’iscrizione.

Per tutti gli altri reati, non è prevista l’eliminazione della iscrizione ma è possibile neutralizzare gli effetti negativi del precedente penale.

A seconda del tipo di condanna inflitta (patteggiamento, decreto penale di condanna o sentenza ordinaria) vi saranno procedure e condizioni che potranno determinare l’estinzione del reato e degli effetti penali.

Questo non vuol dire che l’iscrizione sparirà dal casellario, ma semplicemente che verrà aggiunta una fondamentale postilla che dirà “reato estinto”.

Come faccio a conoscere tutti i miei precedenti penali?

Infine, proprio perché non tutti i precedenti sono leggibili nel casellario richiesto dal privato, consiglio prima di firmare un’autocertificazione ove si dichiara di non aver precedenti, di chiedere  una visura del casellario2e non un certificato del casellario giudiziale.

Questo perché dalla visura del casellario il privato può prendere visione di tutti i propri precedenti penali senza il filtro operato dal casellario richiesto dai privati.

Concludo specificando che la materia è complessa, questo è stato un breve sunto al fine di comprendere superficialmente il funzionamento del casellario.

A tal fine sono state compiute numerose semplificazioni, qualora, invece, voleste approfondire è sufficiente leggere il testo unico del casellario giudiziale.

Aggiornamento novembre 2019

Con il decreto legislativo del 2 ottobre 2018, n. 122, il legislatore ha riformato il casellario giudiziale.

Le informazioni del presente articolo vanno, pertanto, integrate con quanto introdotto dalla riforma.

Ti consiglio di leggere il mio articolo “La riforma del casellario giudiziale: meglio tardi che mai” che evidenzia le principali novità della riforma. Per dubbi i domande non esitate a contattarmi (prima di scrivermi procuratevi una visura3)

Per approfondire l’argomento ti consiglio leggere questo mio articolo: Quali precedenti penali vanno dichiarati in un’autocertificazione?


Print Friendly, PDF & Email
0 0 Vota
Article Rating

Note

  1. Art. 33 del decreto del Presidente della Repubblica n. 313 del 14 novembre 2002 – Testo Unico sul Casellario
  2. Art. 33 del decreto del Presidente della Repubblica n. 313 del 14 novembre 2002 – Testo Unico sul Casellario
  3. Art. 33 del decreto del Presidente della Repubblica n. 313 del 14 novembre 2002 – Testo Unico sul Casellario
Iscriviti per seguire i commenti della discussione
Notifica
guest
379 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Giuliano

Buongiorno io o fatto la visura in tribunale per vedere se c’erano dei precedenti penali e risultano 4 precedenti , ultimo e un ritiro di patente nel 2017 con condanna a 520 ore di servizio sociale (volevo fare domanda per guardia giurata avrò problemi e sarebbe possibile richiedere di essere riabilitato grazie

Emanuele

Salve, volevo una informazione, nel 2004 ho rubato dei meloni e mi hanno denunciato e mi hanno fatto il processo direttissimo e rilasciato subito, nel 2005 ho fatto uno scasso nell’istituto autonomo delle case popolari per fare avere un tetto la mia famiglia, dopo 14 anni ho pagato il danno del proprietario del terreno rilasciando la delibera la stessa cosa l’ho fatto con l’istituto delle case popolari anche essi mi hanno rilasciato la delibera, adesso ho fatto la richiesta al tribunale per la riabilitazione che ancora aspetto dopo che avrò la riabilitazione farò la cancellazione dati della questura e profettura,… Leggi il resto »

Renzo Nouglian

Buon Giorno avvocato, noto una gran competenza e disponibilita’, sono a Roma Ho fatto richiesta di passaporto elettronico il 6 marzo, documenti accettati , torni tra 10gg. Bene torno al commissariato,tutto bloccato , dicono che mi serve per lavoro all’estero , mi fanno attendere , mi dicono e mi consegnano un verbale con ammenda da pagare ,hanno evidente consultato casellario giudiziario, Vado chiedo visura: Condanna di 27 anni fa .1993 , ammenda da pagare , ricordo e realizzo il problema ai vigili urbaii che mi hanno visto e verbalizzato tentativo di toglier ganasce . Come posso agire ora , devo… Leggi il resto »

Renzo Nouglian

inviata e-mail attendo -Grazie

silvana

Avevo letto gli articoli pubblicati sul sito web dell’Avvocato Pappa. La mia richiesta di contatto ha avuto un riscontro tempestivo e, nel giro di poche ore sono stata contattata personalmente dall’Avvocato che mi ha fornito in modo estremamente chiaro e gentile la consulenza di cui avevo bisogno. Voglio sottolineare la professionalità e la competenza, ma anche la cortesia e la disponibilità nell’approccio con chi richiede i suoi servizi.
Grazie mille Avvocato.
Silvana

Matteo

Buonasera Avvocato,
a seguito di una sentenza di condanna a 1 anno e 4 mesi da parte della corte di appello mi è stata concessa la sospensione condizionale della pena ma non il beneficio della non menzione sul casellario, nonostante fossi incensurato.

È possibile ora richiedere tale beneficio della non menzione ricorrendo in corte di cassazione?

Grazie per la disponibilità.

Carmen

Salve avvocato mi chiamo Carmen e nel 2015 ho commesso un reato stavo insieme ad un albanese che aveva dei carichi pendenti a me mi hanno trovato un pezzo di erba e mi hanno condannato in primo grado a un anno al apelo mi hanno scesa la condanna a 2 messi e 20 giorni adesso ho paura che quelli 2 messi e 20 giorni mi potrebbero mandare in carcere , e possibile? Come dovrei procedere ? Poi io non ho mai avuto problemi con la polizia fino allora avevo la fedina penale pulita , unico reato che ho avuto e… Leggi il resto »

Francesco D'Aniello

Buongiorno avvocato quindi anche se riesco ad ottenere la pulitura quando vado a chiedere il casellario giudiziario risulteranno ancora i precedenti ma con una scritta vicino?

Giovanni

Mi scusi ho dimenticato di dire che il tribunale mi ha fatto pagare spese affrontate di 2800 euro perché ho perso la causa civile della legge pinto.In più anche procedimento penale.Se può delucidarmi perché non so che fare .grazie

Giovanni

Buongiorno ho avuto a febbraio 2015 un procedimento penale perché il mio avvocato ha fatto richiesta di legge pinto ,una volta avuta la risposta del denaro (secondo lui poco) mi ha fatto rinunciare a prenderli ed ha fatto una seconda richiesta per avere di più.Secondo lei mi può delucidate come andrà a finire ..prescrizione o assolto visto tutto questo tempo passato?p s il PM mi ha denunciato perché secondo c è reato di truffa.Grazie

Manolo

Salve avvocato ho avuto una condanna a 30 giorni di carcere e tramuta in ammenda amministrativa 1800 euro circa pagato regolarmente con F 24.. Dieci anni fa e più posso fare il corso da ex buttafuori prima non potevo ora??